Il tramonto dell'occidente

La crisi delle banche irlandesi non è una novità, come non lo era quella della Grecia e come non lo saranno le crisi di Portogallo, Italia e Spagna. Questione di mesi. Ogni volta ci si stupirà come di fronte a un improvviso temporale estivo. Ieri la Merkel ha dichiarato che la crisi è estremamente grave e l'euro è a rischio. E noi che non lo sapevamo... I politici danno brutte notizie solo se costretti, attendono l'ultimo istante per evitarci delle sofferenze inutili. Discutere dell'Irlanda o, a inizio 2010, del default greco, equivale a concentrarsi sul foro di un catino bucato. Lo scolapasta è l'intero Occidente che sta fallendo sotto il peso del suo debito pubblico aumentato del 50% in media in vent'anni. I Paesi emergenti, il cosiddetto BRIC: Brasile, Russia, India e Cina, hanno un debito pubblico contenuto e stanno comprando quello occidentale. Se la Cina vendesse tutti i titoli di Stato americani che possiede, pari a 883,5 miliardi di dollari, gli Stati Uniti potrebbero fallire.
Il mondo si sta spostando a Sud e a Est. Il PIL dei Paesi del BRIC sta per superare quello del G6 (Germania, Italia, Francia, Stati Uniti, Gran Bretagna e Giappone). I Paesi del BRIC hanno un debito pubblico rapportato al PIL molto basso: Russia 6%, Cina 18%, Brasile 45%, India 59%. L'Italia, per dire, è al 118% con 80 miliardi di euro di interessi annui da pagare, una cifra che ammazzerebbe un elefante. Gli Stati Uniti stanno per raggiungere l'Everest dei 14.000 miliardi di dollari di debito pubblico dai 6.000 miliardi del 2002. In passato le guerre si combattevano con le armi, oggi si combattono con il debito pubblico. Chi compra il tuo debito diventa il tuo padrone.
Gli Stati Uniti, il Paese più indebitato, è responsabile del 50% delle spese militari mondiali. Una enormità. La Russia, l'antagonista storico, spende il 3,5%. Gli Stati Uniti trasformano il debito in armamenti. In pratica chi compra titoli di Stato statunitensi finanzia la guerra in Afghanistan o le basi militari di Dal Molin di Vicenza e di Okinawa in Giappone dove sono accampati da 65 anni. L'Impero Romano crollò sotto la spinta dei barbari ai suoi confini. Le sue legioni si ritirarono dal Reno alla Britannia. Gli Stati Uniti forse seguiranno la stessa sorte per l'impossibilità economica di mantenere 716 basi militari in 40 Paesi. L'Irlanda è un sintomo del tramonto dell'Occidente travolto dal suo debito pubblico. L'inverno sta arrivando per le cicale europee e americane e fuori fa sempre più freddo.

Trascritto dal Blog di beppe grillo:

http://www.beppegrillo.it/2010/11/la_crisi_delle.html

Perla del giorno 2

E' la donna che move l'anca o l'è troia o poco ci manca...
 
Ma è l'omo che ci mette la fava, ma se non gli si alza è frocio o poco ci manca...



Perla del Giorno

Mai dire Gatto se non ce l'hai nel sacco...

Mai dire Fica se non ce l'hai tra le dita...

Mai dire Marrazzo che poi ti trovi in mano un Cazzo...

Leonardo Sciascia divise gli uomini in cinque categorie:

document.write('');
Leonardo Sciascia divise gli uomini in cinque categorie: "... ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz’uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà… Pochissimi gli uomini; i mezz’uomini pochi, chè mi contenterei l’umanità si fermasse ai mezz’uomini… E invece no, scende ancor più giù, agli ominicchi: che sono come i bambini che si credono grandi, scimmie che fanno le stesse mosse dei grandi…E ancora più giù: i pigliainculo, che vanno diventando un esercito… E infine i quaquaraquà: che dovrebbero vivere come le anatre nelle pozzanghere, chè la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre…".

Cina, dirottamento di Internet in corso?

L'8 aprile scorso il 15 per cento dell'intero traffico telematico del World Wide Web è stato "dirottato" e reindirizzato dai router degli Internet provider asiatici per circa 18 minuti. Pechino nega e minimizza: sono gli USA ad avere Internet in mano, non certo noi.

Il retroscena del dirottamento viene svelato da un rapporto della United States-China Economic and Security Review Commission consegnato al Congresso: in primavera il provider IDC Chima Telecommunication ha diffuso percorsi di traffico "inaccurati" per il web, ritrasmettendo poi tali percorsi all'ISP controllato dallo stato China Telecommunications e sostanzialmente forzando il passaggio dei dati provenienti dagli USA e dagli altri paesi attraverso i server cinesi.

Il rapporto comunica che un simile incidente - seppur di dimensioni ridotte - è avvenuto anche a marzo, mentre per quanto riguarda le tipologie di comunicazioni "intercettate" dagli ISP asiatici si fa riferimento specifico ai network militari e governativi, il Senato, l'Esercito, la Marina, il corpo dei Marine, l'Air Force, l'ufficio del Segretario della Difesa, la NASA, il Dipartimento del Commercio, la National Oceanic and Atmospheric Administration e molte aziende private statunitensi.

Le comunicazioni riservate vengono - o dovrebbero essere - in genere protette da una qualche forma di schermatura con tecnologia crittografica, e la commissione dice di non aver raccolto prove sufficienti a indicare la natura intenzionale dell'incidente o le sue eventuali motivazioni. Ma anche stando così le cose, il rapporto avverte il Congresso sulla possibilità di sfruttare un re-routing di traffico così massiccio per portare a compimento ogni genere di attività malevole.

Notizia presa da qua:
http://punto-informatico.it/3039694/PI/News/cina-dirottamento-internet-corso.aspx

Wifi libero da sempre negli USA (attentato torri gemelle) mentre da noi solo il prossimo anno

Una buona notizia. In Italia, come negli altri Paesi occidentali (e non), sarà possibile finalmente l'accesso libero al wi-fi. E' stato tolto un macigno alla diffusione di Internet in Italia. E' curioso come il wi-fi sia da sempre senza restrizioni a New York, dove sono state abbattute le torri gemelle, e in Italia lo sia solo ora. Piero Grasso si preoccupa per il danno alle indagini, ma la soluzione è semplice: wi-fi libero ovunque tranne che in Parlamento.

ChiamaSilvio Beghelli

Problemi con la questura?


Fermo di polizia per furto?



E' mezzanotte e non sapete dove procurarvi un tanga?



Attivate subito il vostro ChiamaSilvio Beghelli
.

Continua a leggere...

primo cellulare italiano in grado di supportare due sim card in contemporanea.

Primo cellulare italiano in grado di supportare due sim card in contemporanea. La sua competitività sta anche nel prezzo: con 169 euro si porta a casa. display da 2,4 pollici e la fotocamera da 2 megapixel, priva di flash, radio FM, lettore mp3, collegamento Wi-Fi e un’ottima autonomia della batteria completano il prodotto.