Servizio Pubblico - Puntata completa del 15/12/2011

La puntata completa





La settima puntata di Servizio Pubblico.

Tra tagli, rigore e poca crescita, il governo ha presentato i correttivi alla manovra. "Adesso è più equa", come ha

assicurato il premier Monti? O gli sforzi continuano a essere chiesti agli stessi? In questa che sembra una paralisi

della politica, si sente bisogno della sinistra? E chi sono i ricchi e chi sono i poveri? Chi sono i buoni e chi

sono i cattivi?

"Riempire il vuoto" è il titolo della puntata di Servizio Pubblico, andata in onda giovedì 16 dicembre 2011.

L'anteprima è affidata a Fiorella Mannoia, Frankie Hi-nrg e Natty Fred, che presentano in anteprima il brano "Non è

un film", tratto dall'album "Sud" in uscita il prossimo 24 gennaio.

Ospiti di Michele Santoro: il leader di Sinistra Ecologia Libertà Nichi Vendola, l'ex vicepresidente di

Confindustria Guidalberto Guidi, i giornalisti Franco Bechis e Luisella Costamagna.

In collegamento da Milano, dalla torre della Stazione centrale, la protest... altro




Ecco i vari spezzoni di Servizio pubblico del 15/12/2011


In esclusiva per Servizio Pubblico Frankie Hi-NRG, Fiorella Mannoia e Natty Fred cantano in diretta il loro brano "Non è un film".





Il ministro Passera dice che in Italia è difficile fare le liberalizzazioni. "Si parlava di duopolio", dice Michele Santoro. "Rai e Mediaset stavano al centro del babà. Poi è arrivato il digitale terrestre...". Le frequenze del digitale potevano esser messe all'asta con un gran guadagno per lo stato, ma il governo Berlusconi ha deciso di assegnarle gratis attraverso un "beauty contest". Michele Santoro e noi di Servizio Pubblico ora facciamo un'offerta: un milione di euro per un pacchetto di frequenze del digitale terrestre.

Stasera a Padre Indignato non girano solamente i cordoni... " Tolleranza zero contro i razzisti!", grida dalla sua torre. Ma con San Raffaele e Minzolini, scopriamo che all'inferno ci sono anche Santoro, Travaglio e Vauro!

La comunità senegalese piange la morte di Samb Modou e Diop Mor, uccisi a colpi di pistola a Firenze senza ragione apparente. "Noi non siamo qui per vendere droga, veniamo qui per fare lavori che nessuno di voi vuole fare. E' facile sparare a qualcuno solo perché è nero. Se questa cosa la faceva un senegalese cosa sarebbe successo?". "E' da tre secoli e mezzo che lavoriamo come schiavi. Da quando sono nato non mi sono mai sentito libero, né in Africa né in Italia. Sono uno schiavo moderno".


La riflessione sull'uccisione dei due ragazzi senegalesi avvenuta a Firenze il 13 Dicembre, intervengono Nichi Vendola (leader di SEL) e Guidalbero Guidi (Presidente Ducati Energia).

Franco Bechis e Luisella Costamagna commentano la manovra, anche sulla base delle dichiarazioni scaturite durante la trasmissione.


L'ex vice presidente di Confindustria Guidi: "Abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità e la manovra Monti è solo un laccio emostatico. I posti di lavoro non si creano per decreto".
Vendola ribatte: "in Italia la ricchezza è trasmigrata dal lavoro dipendente alla rendita. Non è vero quello che dice Guidi, c'è chi ha costruito sulla diseguaglianza la propria fortuna".

Luisella Costamagna domanda a Vendola: "la sua posizione nei confronti del governo tecnico è progressivamente cambiata nel tempo. Non crede di confondere il suo elettorato?". Vendola risponde: "ero al cospetto di un fenomeno inedito per me, come lo è una crisi mondiale. Non c'è nulla di tecnico nel capire chi deve pagare la crisi".

"Gli appalti in Italia nascondono solo beghe e soldi. Nel mezzo c'è la gente. E noi veniamo cancellati". I vagoni letto non ci sono più. L'11 Dicembre oltre 800 lavoratori del servizio notturno sono stati licenziati. Da Roma a Messina sono cresciute le tendopoli nelle stazioni. Ora Carmine, Giuseppe e Oliviero sono saliti sulla torre della Stazione di Milano Centrale.

"La Padania batterà la sua moneta. Basta con l'euro", dice Bossi.
Ma tra monete padane e BTP (Buoni del Terreno di Pontida), anche la Lega ha sempre fatto pagare tutto al suo popolo. Un esempio? La banca Credieuronord nasce nel 2000 con i soldi del popolo leghista per fallire solo tre anni dopo.

In collegamento dalla stazione Centrale di Milano Sandro Ruotolo dà voce ai ferrovieri licenziati da Trenitalia. Carmine, Giuseppe, Oliviero, sono tre lavoratori dei vagoni letto che, licenziati l'11 dicembre scorso, sono saliti su una torre della stazione di Milano.

La situazione delle Ferrovie dello Stato nel pensiero di Guidalberto Guidi e di Nichi Vendola.


In Italia, anche in tempi di crisi, non si riesce a mettere un tetto agli stipendi dei manager delle società pubbliche. Come mai?


Federico, Giovanna e Silvia raccontano le loro storie. Federico Cornici, un lavoratore dei vagoni letto licenziato ci spiega come le ferrovie di stato sprecano soldi pubblici. "Hanno speso quattrocento mila euro per ristrutturare ogni singola carrozza letto. Poi hanno deciso di chiudere i vagoni letto e ci hanno licenziato." Giovanna è la moglie di Carmine, il lavoratore che da dieci notti dorme sulla torre della stazione di Milano. Anche il marito di Silvia è stato licenziato. Cosa faranno adesso?

Mariella Megna si batte da tempo perchè si possa far luce sulla situazione della Locatelli, già sotto indagine della magistratura, prima che ottenga la gestione della discarica di amianto presso Cappella Cantone.


Sotto il manto stradale della Brebemi, i camion della Locatelli scaricano illegalmente delle scorie contenenti cromo e materiali altamente inquinanti.


Sotto il manto stradale della Brebemi, i camion della Locatelli scaricano illegalmente delle scorie contenenti cromo e materiali altamente inquinanti. altro
Pierluigi Bersani chiede al Governo di far pagare alla Chiesa l'Ici sugli immobili non destinati ad uso religioso. Ma era stato proprio lui, durante il governo Prodi, a togliere la tassa con un decreto legge.  
Nelle sue nuove vignette, Vauro se la prende con il modello Marchionne e ci illustra scenari possibili dopo la manovra del governo Monti.








Nessun commento:

Posta un commento

Qui puoi lasciare un commento oppure dei suggerimenti