Economia - Chi comanda il mondo? BANCA DEI REGOLAMENTI INTERNAZIONALI

Non so se eravate al corrente ma segnalo alcuni stralci del seguente articolo:

http://www.vocidallastrada.com/2013/02/chi-controlla-il-denaro.html?m=1

Un'organizzazione internazionale immensamente potente, di cui la maggior parte delle persone non ha mai nemmeno sentito parlare, controlla segretamente l'offerta di moneta del mondo intero. Si chiama Banca dei Regolamenti Internazionali, ed è la banca centrale delle banche centrali. Si trova a Basilea, in Svizzera, ma ha filiali anche a Hong Kong e Città del Messico.


Ogni due mesi, i banchieri centrali del mondo si riuniscono a Basilea per un "Convegno di Economia Mondiale". Le decisioni che vengono prese durante questi incontri  interessano ogni uomo, donna e bambino sul pianeta, eppure nessuno di noi ha voce in capitolo su quello che succede. La Banca dei Regolamenti Internazionali è un'organizzazione  fondata dall'élite globale, opera a vantaggio delle élite globali ed è destinata ad essere uno dei cardini principali del nascente sistema economico mondiale. E' imperativo che le persone vengano informate su ciò che è questa organizzazione e dove ha intenzione di portare l'economia globale.



Questi incontri di economia globale sono stati discussi in un recente articolo del Wall Street Journal ...
Ogni due mesi, più di una dozzina di banchieri si incontrano qui la domenica sera, per parlare e cenare al 18° piano di un edificio cilindrico che si affaccia sul Reno.
Le discussioni durante la cena sul denaro e sull'economia, sono più che accademiche. Al tavolo ci sono i capi delle maggiori banche centrali del mondo, che rappresentano i paesi che producono ogni anno più di 51.000 miliardi di dollari di prodotto interno lordo, i tre quarti della produzione economica mondiale.
I banchieri centrali che si riuniscono per questi convegni non sono lì solo per socializzare. Nessun membro del personale è ammesso a questi incontri, che si svolgono  in un clima di assoluta segretezza ...
Argomenti seri si alternano a stuzzichini, vino e chiacchiere, secondo le persone che hanno familiarità con queste cene. Mr. King chiede di solito ai suoi colleghi di parlare delle prospettive nei rispettivi paesi. Altri fanno domande supplementari. Le riunioni non producono trascrizioni o verbali. Nessun membro del personale è ammesso.
Dunque il destino dell'economia mondiale è determinato da banchieri centrali non eletti in incontri segreti di cui nessuno ha mai sentito parlare?
Questo certamente non sembra molto "democratico".
Ma questa è la direzione verso la quale la "governance globale" ci sta portando. L'élite crede che le "grandi decisioni" sono di gran lunga troppo importanti per essere lasciate "al popolo", e così la maggior parte delle "istituzioni internazionali" che sono state fondate  dall'élite funzionano indipendentemente dal processo democratico.

Cucina - Cous cous di Pollo

Segno qui nel blog la ricetta per fare il cous cous di pollo al curry che ho fatto in questi giorni:

Ingredienti necessari per 4 persone e piu':

350 grammi di cous cous
2 cipolle bianche
2 capocchie d'aglio
1 barattolo di polpa di pomodoro
3 carote
2 zucchine

Ecco la procedura:

1. Tagliare il petto di pollo a striscie e metterlo in una padella ampia, nella quale avremo fatto scaldare l'olio.
Salare, aggiungere un cucchiaio colmo di curry, coprire e lasciar cuocere per circa 20 minuti a fuoco basso.

2. Aggiungere le due cipolle tritate finemente, coprire la padella e lasciarle appassire, sempre a fuoco basso, per almeno 10 minuti.

3. Una volta ben appassita la cipolla, aggiungere l'aglio e la polpa di pomodoro.

4. Coprire e cuocere per altri 10 minuti, sempre a fuoco basso, girando di tanto in tanto e aggiungendo brodo caldo (poco per volta) se dovesse "asciugarsi" troppo.
5. Tagliare la mela, le zucchine e le carote a rondelle, non troppo larghe aggiungendole con un cucchiaio colmo di curry e un pò di sale.

5. Coprire il tutto e lasciar cuocere a fuoco basso per circa 30 minuti.

6. A cottura ultimata, spegnere la fiamma, aggiungere ancora un cucchiaino di curry, mescolare e coprire.

7. Preparare il cous cous secondo la confezione.

8. Una volto pronto il cous cous mischiare il tutto e mangiate con appetito.


Beppe Grillo - Grillo alla CNBC

Politica - La volpe politica di Fassino e la sua preveggenza

Riporto questo stralcio di informazione per promuovere Fassino come preveggente ed aspirante Volte Mondiale 2013:

Piero Fassino nel 2009 diceva:

"Se Grillo vuol fare politica, fondi un partito, si presenti alle elezioni e vediamo quanti voti prende! Perché non lo fa?”.

Ecco l'articolo completo con il relativo Filmato, CULT Veramente!!!!!!

http://tv.ilfattoquotidiano.it/2013/02/25/quando-nel-2009-fassino-consigliava-a-grillo-di-fondare-partito/222611/

Ora è stato accontentato:

Grillo 25 % alle nazionali
PD al 30% circa.

Se invece vi volete divertire con tutti gli sfotto' e gli insulti a Grillo da parte di questi politici di questi ultimi anni leggete questo articolo, vi divertirete....

Buona lettura:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/26/elezioni-2013-da-fassino-a-ferrara-insulti-e-esorcismi-di-chi-aveva-capito/513406/

Religione - Enzo Bianchi: Le vie della felicità


Con la saggezza di settant'anni al servizio della fede, Enzo Bianchi commenta le otto Beatitudini riportate nei vangeli di Matteo e Luca e riflette sull'attualità del loro messaggio. Le vie della felicità (Rizzoli) è una guida per sperare nel futuro.

Eventi - Mercatino Regionale Francese a Scandicci da venerdì 15 a domenica 17 marzo

Mercatino Regionale Francese che si terrà da venerdì 15 a domenica 17 marzo a Scandicci

Specialità: baguettes e croissants appena sfornati, biscotti, formaggi

Orari apertura: venerdì, sabato e domenica dalle 10.00 alle 19.30

[fonte http://www.sagreinitalia.it/dettagli.asp?ID_S={D169B691-A4D6-427D-92F1-405580793D29}]

Beppe Grillo – La terza guerra mondiale è già in corso





Sottoscrivo tutto di quello scritto da Beppe Grillo:






“"Io non so con quali armi sarà combattuta la III Guerra Mondiale, ma so che la IV Guerra Mondiale sarà combattuta con pietre e bastoni." Non sempre Einstein aveva ragione. In questo caso aveva torto. La III Guerra Mondiale è in corso, non si combatte con le atomiche, e qualcuno la sta vincendo, per ora. E la IV non si combatterà con le pietre. La finanza internazionale combatte la sua guerra per il predominio, per lo svuotamento delle democrazie e degli Stati. E' un superorganismo che non rende conto a nessuno, che ha a sua disposizione i media, i politici-camerieri, gli stessi governi. La III Guerra Mondiale non si combatte sul campo di battaglia o con le bombe, ma nelle redazioni dei giornali, nelle televisioni, negli uffici all'ultimo piano delle banche, delle agenzie di rating, delle multinazionali. La notizia non data, la menzogna, il giornalista carismatico, il direttore imposto da poteri finanziari, il sottacere, la demonizzazione delle alternative politiche, la pietrificazione delle idee come se i cambiamenti fossero impossibili, ma soprattutto eversivi, contro un ordine costituito, che, è ormai evidente, si tratta dell'ordine dei cimiteri. La III guerra mondiale è in corso, nessuno l'ha dichiarata, è una guerra silenziosa, insidiosa. L'informazione è la sua arma invincibile, per ora, la menzogna, l'attacco gratuito e vendicativo, la macchina della merda sempre pronta all'uso da parte di servi ben pagati per la loro entusiasta prostituzione, la guerra totale a chiunque si ponga fuori dal Sistema a livello, locale, regionale, mondiale. Chiunque metta in dubbio la santità, del resto benedetta anche da alti prelati, del Sistema è "anti", contro, fuori, no global. Il Sistema per reggersi ha bisogno dei suoi vassalli nei singoli Stati, di moderni Quisling. Hanno nomi diversi in diversi Paesi, ma la stessa identica politica, la stessa matrice dell'informazione di stampo fascista, lo stesso spossesso di ogni volontà popolare, in nome di una globalizzazione che cancella le libertà individuali e la stessa struttura delle nazioni. La guerra è in corso, il primo modo di combatterla è riconoscerla, prendere coscienza che è in atto, che ha addormentato le nostre menti. Questo è il primo passo, credere che un'altra realtà sia possibile. Un risveglio.”

Notizie da Legnaia Febbraio/Marzo 2013


 

Cena-Evento: I Sapori dello Zafferano

Venerdì 1 marzo
non perdete una cena dai colori e dai sapori irresistibili
e un viaggio per scorire le qualità di una spezia
prodotta sulle nostre colline fiorentine

Loc-cena-zafferano

Cene a teme nel mese di marzo

Ecco le prossime cene a tema al bar-Ristorante Legnaia
venerdì 1 marzo Cena Evento: I Sapori dello Zafferano
Loc-cena-zafferano
venerdì 15 marzo: Il gusto del mare
Loc-cene-marzo-2013-2
venerdì 22 marzo: Rustico e tutto fiorentino
Loc-cene-marzo-2013-3

Corsi di fine inverno2013

corso del 28 FEBBRAIO
corsi-fine-inverno3
...Prendiamoci un po' di tempo e...
..aspettando la primavera partecipiamo ai corsi di fine-inverno
organizzati dalla Cooperativa Agricola di Legnaia presso
il Centro Agro-Commerciale di via Baccio da Montelupo 180 Firenze.
Tante cose da sapere
che riguardano le piante, l'orto ma anche la nostra salute...

L'angolo di Flo - Tarallucci






Tarallucci

Ingredienti:
300 gr farina di grano tenero;
1 bicchiere di vino bianco secco;
2 cucchiaini di sale;
6/8 cucchiai di olio extra vergine di oliva.
Procedimento:
In una terrina amalgamate bene la farina con il vino, l'olio ed il sale fino a produrre un impasto morbido e consistente.
Continuate a lavorare l'impasto su un piano da lavoro fino ad ottenere una pasta liscia e omogenea. Formate una pagnotta che avvolgrete in un canovaccio e lascerete riposare per circa mezz'ora.
Mettete sulla placca da forno della carta oleata e iniziate a creare staccando dei pezzetti di pasta dalla pagnotta dei rotolini che poi unirete all'estremita', dando la classica forma dei tarallucci.
Disponete le ciambelline sulla carta da forno man mano che li preparate fino ad esaurimento della pasta. Quindi infornate per 25/30 minuti, dipende dal forno, a 160/180 gradi.

Economia – Rigor Montis e l’Italia in Ginocchio



Frasi riprese dal seguente articolo:


<…Dati che Eurostat ha pubblicato un anno fa indicano che i salari medi italiani erano già tra i più bassi dell'Unione Europea (UE). Il rapporto, basato sui dati del 2009, mostrava un salario medio annuo di € 23.406, a mala pena la metà di quelli del Lussemburgo (€ 48.914) o dell'Olanda (€ 44.412). Nel 2009, quando l'impatto della crisi finanziaria incominciò a farsi sentire, il salario medio in Italia era inferiore a quello della Grecia sconquassata dalla crisi (€ 29.160) e della Spagna (€ 26.316), e sale molto più lentamente che in quasi tutti gli altri paesi….>

<…Già dopo poche settimane dalla sua nomina, il governo Monti ha presentato un pacchetto di tagli del valore di € 30.000.000.000: decurtamenti delle indennità sociali, aumento dell'età pensionabile da 58 a 66 anni entro il 2018, innalzamento del numero di anni che un lavoratore deve pagare al sistema pensionistico per ricevere la pensione da 35 a 42 anni . L'indennizzo per l'inflazione è stato rimosso dalla maggior parte delle pensioni. L'IVA è stata aumentata del 2 per cento, colpendo duramente le fasce di retribuzione più bassa, e vari aumenti di tasse hanno causato un marcato aumento del costo del carburante.

Nel corso dell'anno successivo è stata reintrodotta la tassa sulla prima proprietà, questo ha spinto i costi di proprietà per le famiglie a più del 30 per cento della loro spesa totale. L'articolo 18 della legge del lavoro del 1970, una conquista delle lotte militanti degli anni '60, è stato modificato per consentire alle imprese di licenziare senza giusta causa.

Poi, durante l'estate, Monti ha introdotto un ulteriore pacchetto di austerità, i tagli al bilancio dello Stato ammontano a € 4.500.000.000 per entro la fine dell'anno e ulteriori tagli di € 21.500.000.000 sono programmati per i prossimi due anni. Il piano finanziario di Monti del mese di dicembre riduce le tasse sui salari, versati dai datori di lavoro, e comporta tagli al finanziamento dell'assistenza sanitaria….>

Salute - Consigli per un'alimentazione sana


ALIMENTAZIONE

Ecco alcuni consigli generali per una corretta alimentazione,che e' alla base di una buona prevenzione e cura di varie patologie,oggi diffusissime come l'obesita',l'ipercolesterolemia,l'ipertensione,il diabete,le malattie cardiovascolari,certe epatopatie e addirittura alcuni tipi di tumori.


- abituarsi a rispettare il numero dei pasti giornalieri:
evitare di saltare pasti,alternando digiuni ad abbuffate.Fare uso anche degli spuntini del mattino e del pomeriggio.

- masticare bene gli alimenti,dedicandogli il tempo necessario:
evitare pasti frettolosi,in piedi e camminando.

- dare la preferenza a cibi freschi e genuini rispetto a cibi conservati e inscatolati:
dunque pasta,pane,frutta fresca,verdure,ortaggi ecc.

- preferire le carni bianche e il pesce alle carni rosse:
comunque sempre carni magre,evitando quelle grasse (selvaggina,oca,frattaglie,crostacei).E'consigliabile il pesce almeno 3 volte a settimana.

- preferire formaggi freschi e magri:
mozzarella,stracchino,ricotta.

- preferire cibi poco elaborati:
evitare se possibile pasta ripiena,carni ripiene ecc.

- condire sopratutto con olio d'oliva:
preferendolo a burro, strutto ecc.

- preferire dolci freschi,poco elaborati:
evitando panne,cioccolate,creme,a favore di biscotti,crostate.

- Non abusare di vino, birra e sopratutto di superalcolici:
preferire acqua naturale alla gassata e limitare l'uso di bibite.

A queste norme generali,va' aggiunto il consiglio di svolgere un'attivita' fisica regolare ,evitando una vita sedentaria eccessiva fonte di pigrizia e di impoverimento delle nostre capacita' psicofisiche.
 
Tratto dai consigli della Dott.ssa Paladini dietista

Ambiente – Statistiche dei rifiuti in Europa



 


In Europa ogni anno finiscono nella spazzatura 90 milioni di tonnellate di cibo, pari a circa 180 kg pro capite. La maggior parte degli sprechi alimentari avviene in famiglia, dove si spreca il 42% di cibo totale, poi nella produzione industriale con il 39%, nella ristorazione con il 14% e nella vendita al dettaglio, con solo il 5%. Dagli studi effettuati dalla Commissione europea l’intera filiera alimentare consuma ogni anno il 28% delle risorse materiali e provoca il 17% delle emissioni di CO2 o di gas serra, prodotte anche dalla macerazione del cibo che finisce in discarica.

Eventi - 24 febbraio a Campi bisenzio mostra mercato ogni 4° domenica del mese

L'angolo di Flo - Polpettine all'avena


Polpettine all'avena

 
Ingredienti:
 
100 gr di fiocchi di avena;
80 gr di farina di riso;
100 gr di formaggio grana grattugiato;
1 uovo;
olio di girasole;
sale;
pepe.
 
 
Procedimento:
 

Portare ad ebollizione in mezzo litro di acqua salata (ma non troppo), i fiocchi di avena mescolate fino a che l'impasto diventa consistente. Cuocere per 15 minuti. Fate raffreddare in un contenitore l'avena, poi aggiungete la farina di riso, il formaggio grana grattugiato, un pizzico di pepe, un uovo.


Mescolate bene fino a formare un impasto consistente.

A questo punto formate delle palline non troppo grandi. Prendete una padella antiaderente e riscaldate due - tre cucchiai  di olio di girasole, immergetevi le polpettine, fatele dorare da entrambe i lati fino alla doratura. Ponetele in un piatto da portata con carta da cucina assorbente per levare l'olio in eccesso. Servitele ancora calde.
 


Politica – FMI contro l’Argentina



“Chi poteva immaginare un mondo trascinato a terra dai mercati finanziari? Dove stava il FMI che non ha potuto accorgersi di nessuna crisi? Oggi la Spagna ha il 26% di disoccupati. In quali statistiche sono raffigurate queste tragedie? Quali sono i parametri o le “procedure” con cui il FMI analizza i paesi falliti che continuano ad indebitarsi, con popolazioni che hanno perso la speranza? Conoscete qualche sanzione del FMI, qualche decisione contro questi altri che si sono arricchiti e che hanno fatto fallire il mondo? No, la prima misura che prende il FMI è contro l’Argentina. L’Argentina alunna esemplare del Fondo Monetario Internazionale negli anni Novanta, che seguì tutte le ricette del FMI e che, quando esplose nel 2001, è stata lasciata sola. Da sola, senza accesso al mercato finanziario internazionale l’Argentina ha visto crescere in 10 anni il suo PIL del 90%, la crescita maggiore di tutta la sua storia. L’Argentina che ha costruito un mercato interno con l’inclusione sociale e le politiche anticicliche. Ha pagato tutti i suoi debiti al FMI, ha ristrutturato due volte, nel 2005 e nel 2010, il suo debito andato in default con il 93% di accordi con i suoi creditori senza chiedere più nulla in prestito al mercato finanziario internazionale, per farla finita con la logica dell’indebitamento eterno. E con il business perenne di banche, intermediari, commissioni, ecc, che avevano finito con il portarci al default del 2001. Questa sembra essere la vera causa della rabbia del FMI. L’Argentina è una parolaccia per il sistema finanziario globale di rapina e per i suoi derivati. L’Argentina ha ristrutturato il suo debito e ha pagato tutto, senza più chiedere nulla in prestito. 6.9% di disoccupati, il migliore salario nominale dell’America latina e il migliore potere d’acquisto misurato in Dollari statunitensi. Nel 2003 avevamo il 166% di debito su un Pil rachitico, il 90% del quale in valuta straniera. Oggi abbiamo il 14% di debito su un Pil robusto e solo il 10% è in valuta straniera. Perciò mai fu migliore il titolo del comunicato del ministero dell’Economia argentino di oggi: “Ancora una volta il FMI contro l’Argentina”. Noi continueremo a lavorare e a governare come sempre per i 40 milioni di argentini”.



Cristina Kirchner, presidente dell'Argentina



Ecco la notizia completa:



Cinema - Ottimo sito web di recensioni e critica di Film

Mi sento di segnalare sul presente blog il sito web di recensioni e critica di Film molto interessante segnalatomi da un mio caro amico.

Chi fosse interessato a spaziare, in tale ambito "artistico", coadiuvato da una sapiente guida nonchè critica lo invito a mettere tra i preferiti il seguente sito web:

http://ilcinemadichiara.it/

Io, per non perdermi alcuna recensione, ho aggiunto i feed RSS al mio Google Reader ;)

Economia - I prestiti tra privati come alternativa alle banche


Un mio caro amico mi ha segnalato che esiste un sito web:

http://www.smartika.it/Web/

Che mette in contatto che presta denaro con chi ha bisogno di denaro il tutto ad un tasso di interesse "eticamente sostenibile".

Al momento quando scrivo chi presta ottiene il 6,9 % lordo mentre chi riceve deve pagare l'8,9%

Filosofia - La saggezza di Enzo Bianchi

Ecco due filmati molto interessanti su Enzo Bianchi priore di Bose alle Invasioni Barbariche.

Se uno sa ascoltare e leggere tra le righe si nota che si tratta di una persona con il carisma della parola che però riesce ad esprimere grandi verità in maniera molto diretta e schietta.

Buona visione.





Massimo Cacciari ed Enzo Bianchi a Che tempo che fa


L'anglo di Flo - Pancake alle patate



 

 Pancake alle patate

 
Ingredienti:
 
3 patate grandi;
100 gr farina di riso;
100 gr grana grattugiato;
sale;
pepe;
olio di girasole per friggere.
 
 

Procedimento:
 
 

Private le patate della loro buccia: una patata va frullata cruda, mentre le altre due tagliate a dadini vanno bollite in acqua salata. Aggiungete alla patata frullata la farina di riso ed il formaggio grana grattugiato, un pizzico di sale e pepe. Quando le patate a dadini saranno pronte, scolatele dell'acqua di cottura e aggiungetele all'impasto precedente. Prendete una padella antiaderente, fate scaldare due cucchiai di olio di girasole e aggiungete a cucchiaiate l'impasto ottenuto. Quando le frittelline saranno dorate da entrambe i lati adagiatele su carta da cucina assorbente e servitele calde accompagnate da prosciutto crudo oppure speck.

Firenze – Il biglietto del Bus ad 1,20 euro dal 15 febbraio 2013

Dal 15 febbraio 2013 i clienti Ataf potranno dotarsi di biglietto mobile al prezzo di 1,20 €. La nuova tariffa, stabilita da Ataf in accordo con la Provincia di Firenze, resta competitiva e promozionale rispetto al biglietto acquistabile a bordo al prezzo di € 2,00".

Per fare il biglietto elettronico basta inviare un sms con testo “ATAF” al numero breve 4880105. Il costo del biglietto è addebitato direttamente sul credito telefonico per i clienti Tim, Vodafone, Wind e 3 Italia e il costo dell’invio del messaggio varia a seconda dell’operatore telefonico.


http://www.ataf.net/it/novita-e-comunicati/novita-sul-servizio/il-biglietto-con-un-sms.aspx?idC=89&idO=28333&LN=it-IT

Religione – Il fulmine a Roma 11 Febbraio 2013 data delle dimissioni del Papa

Di seguito l’immagine che mostra il fulmine che ha colpito la cupola di San Pietro il giorno che il papa ha rassegnato le dimissioni.



Eventi - 20 febbraio 2013 alle 12 Villa Medicea di Cerreto Guidi

Ecco link ufficiale:

http://www.mabu-design.it/newsletter/cerretoguidi/stagione2013/index.html



Villa Cerreto Guidi
Invitano la S.V. alla conferenza stampa
di presentazione della
Nuova stagione di eventi alla Villa Medicea di Cerreto Guidi
febbraio-dicembre 2013

L’incontro si svolgerà Mercoledì 20 febbraio,ore 12.00
presso la villa Medicea di Cerreto Guidi, via dei Ponti Medicei n.7, Cerreto Guidi (FI)

Interverranno:
Cristina Acidini Soprintendente per il Patrimonio Storico, Artistico
ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze
Marilena Tamassia Direttore della Villa medicea di Cerreto Guidi
Daria Santini Presidente dell'Associazione Amici della Villa Medicea di Cerreto Guidi

Al termine, si terrà la visita guidata alla Villa e alla mostra
Amore Vittorioso e altre storie”.
 
Seguirà buffet

Ufficio Comunicazione Opera Laboratori Fiorentini Spa – Civita Group
Marco Ferri tel. 055 2388721 | 335 7259518 - mail marcoferri.press@gmail.com
Ufficio Stampa Eventi nella villa di Cerreto Guidi
Sara Chiarello
329-9864843
Olimpia De Meo tel. 320 0404080 - mail esse.chiarello@gmail.com | olimpia.demeo@yahoo.com

L'angolo di Flo - Lenticchie con salsiccia


Lenticchie e salsiccia

Ingredienti:
250 gr di lenticchie in scatola;
3 salsicce di maiale;
2 spicchi di aglio;
200 gr di passata di pomodoro;
olio extra vergine di oliva;
sale e pepe q.b.
Procedimento:
In una pentola capiente soffriggete un po' di olio extra vergine di oliva e l'aglio tritato, quindi unite le salsicce.
Rosolate per qualche minuto e versate la passata di pomodoro con un pizzico di sale, portando il tutto a cottura.

Aggiungete infine le lenticchie scolate della loro acqua , e lasciate insaporire a fuoco lento.  Aggiustate di sale e pepe e servite ben caldo.

Qualche proverbio del giorno

«Chi ha paura muore tutti i giorni,  chi non ha paura muore una sola volta».

«Gli uomini passano, le idee restano».

«Un vincitore è  solo un sognatore che non si è arreso» (Nelson Mandela)

«La mia  libertà finisce dove comincia la vostra» (Martin Luther King)

Politica - Tanto per rinfrescarsi la memoria su D’Alema


Forse D’Alema confonde Ingroia con qualcun altro. Anni fa un pm di Bari, Alberto Maritati, indagava su un politico illegalmente finanziato con 20 milioni di lire da un imprenditore malavitoso. L’accusa finì in prescrizione e il pm in Parlamento. Lo candidò lo stesso politico indagato e prescritto, che poi lo portò nel suo governo. Era un certo Massimo D’Alema.





[fonte http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/01/27/ritorno-di-dalemoni/481277/]

L'angolo di Flo - Porridge

Porridge

Ingredienti:
100 gr di fiocchi di avena;
mezzo lt di acqua;
latte freddo oppure panna liquida;
zucchero;
sale.
Procedimento:
Versate a pioggia i fiocchi d'avena in mezzo litro di acqua a bollore un po' salata. Mescolate fino a che l'impasto e' diventato consistente. Cuocete per 15 minuti. Servite il Porridge caldo con aggiunta di latte freddo oppure panna liquida. Volendo potete zuccherarlo. Se  siete intolleranti ai latticini ,potete provare con il latte di riso che essendo dolce, fara' evitare l'aggiunta  di  zucchero.

Religione - 31 GENNAIO SAN GIOVANNI BOSCO Sacerdote (1815-1888) Memoria

 Imitare Gesù e lasciarsi guidare dall'amore

Dalle «Lettere di san Giovanni Bosco

Se vogliamo farci vedere amici del vero bene dei nostri allievi, e obbligarli fare il loro dovere, bisogna che voi non dimentichiate mai che rappresentate i genitori di questa cara gioventù, che fu sempre tenero oggetto delle mie occupazioni, dei miei studi, del mio ministero sacerdotale, e della nostra Congregazione salesiana. Se perciò sarete veri padri dei vostri allievi, bisogna che voi ne abbiate anche il cuore; e non veniate mai alla repressione o punizione senza ragione e senza giustizia, e solo alla maniera di chi vi si adatta per forza e per compiere un dovere.
Quante volte, miei cari figliuoli, nella mia lunga carriera ho dovuto persuadermi di questa grande verità! E’ certo più facile irritarsi che pazientare: minacciare un fanciullo che persuaderlo: direi ancora che è più comodo alla nostra impazienza e alla nostra superbia castigare quelli che resistono, che correggerli col sopportarli con fermezza e con benignità. La carità che vi raccomando è quella che adoperava san Paolo verso i fedeli di fresco convertiti alla religione del Signore, e che sovente lo facevano piangere e supplicare quando se li vedeva meno docili e corrispondenti al suo zelo.
Difficilmente quando si castiga si conserva quella calma, che è necessaria per allontanare ogni dubbio che si opera per far sentire la propria autorità, o sfogare la propria passione.
Riguardiamo come nostri figli quelli sui quali abbiamo da esercitare qualche potere. Mettiamoci quasi al loro servizio, come Gesù che venne a ubbidire e non a comandare, vergognandoci di ciò che potesse aver l’aria in noi di dominatori; e non dominiamoli che per servirli con maggior piacere. Così faceva Gesù con i suoi apostoli, tollerandoli nella loro ignoranza e rozzezza, nella loro poca fedeltà, e col trattare i peccatori con una dimestichezza  e familiarità da produrre in alcuni lo stupore, in altri quasi
scandalo, e in molti la Santa speranza di ottenere il perdono da Dio. Egli ci disse perciò di imparare da lui ad essere mansueti e umili di cuore (4r.Mt 11,29).
Dal momento che sono i nostri figli, allontaniamo ogni collera quando dobbiamo reprimere i loro falli, o almeno moderiamola in maniera che sembri soffocata del tutto. Non agitazione dell’animo, non disprezzo negli occhi, non ingiuria sul labbro; ma sentiamo la compassione per il momento, la speranza per l’avvenire, e allora voi sarete i veri padri e farete una vera correzione.
In certi momenti molto gravi, giova più una raccomandazione a Dio, un atto di umiltà a lui, che una tempesta di parole, le quali, se da una parte non producono che male in chi le sente, dall’altra parte non arrecano vantaggio a chi le merita.
Ricordatevi che l’educazione è cosa del cuore, e che Dio solo ne è il padrone, e noi non potremo riuscire a cosa alcuna, se Dio non ce ne insegna l’arte, e non ce ne mette in mano le chiavi.
Studiamoci di farci amare, di insinuare il sentimento del dovere, del santo timore di Dio, e vedremo con mirabile facilità aprirsi le porte di tanti cuori e unirsi a noi per cantare le lodi e le benedizioni di colui, che volle farsi nostro modello, nostra via, nostro esempio in tutto, ma particolarmente nell’educazione della gioventù.  


L'angolo di Flo - Strozzapreti

Strozzapreti

Ingredienti:
200 gr di mollica di pane raffermo;
450 gr spinaci lessati;
2 uova;
1/2 lt di latte;
sale;
noce moscata;
pangrattato;
farina.
Procedimento:
Mettete a bagno la mollica di pane spezzata nel latte tiepido; quando sara' ben ammollata scolatela dal latte in eccesso e mescolatela alle uova formando un impasto omogeneo.
Tritate finemente gli spinaci e uniteli al composto di pane, condendo con sale e noce moscata, mescolate con cura e aggiungete eventualmente un po' di farina mista a pangrattato cosi' da ottenere un impasto morbido e consistente. Formate con l'impasto ottenuto delle palline piccole come una noce. Se necessita passatele nella farina.
Portate dell'acqua salata ad ebollizione e cuocete le palline. Abbassate la fiamma mantenendo l'acqua in fremito leggero per non disfare gli strozzapreti. Dopo qualche minuto di cottura scolateli e fateli saltare in padella con burro e salvia oppure con salsa di pomodoro.


Ambiente – Il riscaldamento delle città influenza fino a 1500 Km di distanza

Interessante notizia presa da qua.
http://www.ecoblog.it/post/50055/il-riscaldamento-delle-citta-condiziona-il-clima-in-un-raggio-di-1500-chilometri

Ecco il trafiletto:
“Le nostre città sono più calde delle pianure, colline e montagne che le circondano, anzi, il calore che producono d’inverno con il riscaldamento delle abitazioni contribuisce ad innalzare le temperature delle regioni circostanti con un condizionamento della temperatura dell’aria che arriva a oltre 1500 chilometri di distanza.
Lo studio pubblicato recentemente su Nature Climate Change rivela come il calore emanato da abitazioni, fabbriche e autoveicoli nei principali centri urbani dell’emisfero settentrionale condizioni gli equilibri climatici globali e contribuisca al generale innalzamento della temperatura invernale, quantificabile in 1° C nelle aree del Nord America e dell’Asia settentrionale.
Il fenomeno non è soltanto antropico: alcune fra le metropoli più popolate del mondo, infatti, sorgono in corrispondenza di importanti canali di circolazione atmosferici. La corrente a getto polare, per esempio, circumnaviga il pianeta a 8-12 chilometri di altezza, ai limiti della troposfera, venendo interrotta dal calore di origine antropica che trova sul proprio percorso.”

Salute - Studio sull'aspirina, effetti consistenti contro i tumori

 
"L'aspirina (acido acetilsalicilico), che si può acquistare a poco costo in farmacia senza ricetta medica, è probabilmente il più potente farmaco che preso regolarmente quando si è in buona salute è in grado di ridurre nel futuro il rischio di decesso per tumore. Già alcuni studi pubblicati sulle più importanti riviste mediche del mondo avevano mostrato che chi consumava regolarmente aspirina aveva una mortalità significativamente inferiore per alcuni tipi di tumore. Ora un`importante studio pubblicato a dicembre sulla prestigiosa rivista inglese Lancet dimostrava che prendendo regolarmente un`aspirina si riduceva dopo 5 anni del 20% il rischio globale di morire di tumore e del 30% dopo 7,5 anni ( 30% per il tumore al polmone, 35% per quello all`intestino, 40% al colon, 60% all`esofago. ecc). Il beneficio si manifestava dopo 5 anni di presa giornaliera di un`aspirina (indipendentemente dalla dose) e cresceva nel tempo. L'aspirina, sintetizzata nel 1887 dal chimico tedesco Felix Hoffmann, è probabilmente con gli antibiotici il farmaco più straordinario e di maggior successo della storia. Oltre ad essere un analgesico, un antipiretico, un antiinfiammatorio, è utilizzato per curare alcune complicazioni della gravidanza, per la prevenzione primaria e soprattutto secondaria dell`infarto e dell`ictus ischemico. L'aspirina ha tuttavia anche degli effetti secondari il più importante dei quali è rappresentato dai sanguinamenti (ulcere) gastro-intestinali ( circa 1 caso ogni 1.000 persone all`anno che prendono giornalmente aspirina), inoltre essa può leggermente aumentare il rischio di ictus emorragico, rischio quest`ultimo abbondantemente compensato dalla riduzione di quello ischemico e di altri eventi cardiovascolari. Concludendo, il rapporto beneficio/ rischio è ampiamente favorevole al consiglio di raccomandare la presa quotidiana di un`aspirina a basso dosaggio (75 mg ) a partire dai 40-50 anni . Vista l`importanza del beneficio (diminuire il rischio di ammalarsi e morire per un tumore e di fare un infarto o un ictus ischemico) in rapporto agli effetti indesiderati è giudizioso non attendere ulteriori conferme scientifiche che, tra l`altro, se fondate su studi ancora da programmare, non saranno disponibili che tra una decina, se non una ventina di anni. Conferme che tra l`altro non potranno mai venire da studi finanziati dell`industria visto che l`aspirina è un farmaco “libero” da brevetti e che tutti possono copiare, inoltre il suo principio attivo ( l`acido acetilsalicilico ) è alla base di altri preparati con nomi diversi, come ad esempio l`Alka Seltzer. Che non valga la pena di perder tempo la pensa anche il professor Carlo La Vecchia dell`Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri che sul Corriere dell`8 dicembre scorso affermava “sono favorevole all`uso dell`aspirina anche perché ormai i tumori colpiscono una buona percentuale della popolazione”. Opinione identica quella del professor Peter Elwood dell'Università di Cardiff che ha studiato per 40 anni l`impatto dell`aspirina sulla salute e osserva come oggigiorno la decisione di prendere regolarmente un`aspirina va vista nella stessa ottica della promozione di stili di vita favorevoli alla salute. Di opinione diversa invece quella di Carmelo Iacono presidente della società italiana di oncologia medica che, sempre sul Corriere dell`8 dicembre, considera i risultati dello studio inglese “come indicativi e che dovranno essere verificati da ulteriori sperimentazioni prima di tradurli nella pratica medica”. Ora staremo a vedere se gli oncologi se la sentiranno di dare alla popolazione anche il consiglio di prendere un`aspirina a partire dai 40-50 anni oppure se preferiranno non dire nulla o sconsigliare per poi avere più ammalati di tumore su cui sperimentare, finanziati dall`industria, i cosiddetti nuovi farmaci “intelligenti” dal costo elevatissimo e che, per la quasi totalità, prolungano la vita da qualche settimana a qualche mese con effetti indesiderati sovente molto importanti. Non sarebbe per nulla sorprendente se anche gli oncologi da qualche settimana abbiano iniziato a prendere la sera prima di dormire, con un bicchiere di latte per proteggere la mucosa gastro-intestinale, una “baby” aspirina di 75 mg.". professor Gianfranco Domenighetti

Dal sito di beppegrillo:

http://feedproxy.google.com/~r/beppegrillo/rss/~3/q3WktYkPVF8/unaspirina_al_giorno_toglie_i_tumori_di_torno.html